"C'è chi crede in dio o nel denaro. Io credo nel cinema, nel suo potere. L'ho scoperto da ragazzino, mi ha aiutato a fuggire da una realtà in cui ero infelice. È una delle forme d'arte più alte che l'uomo ha concepito. Credo nel suo futuro."
(John Carpenter)

domenica 7 aprile 2013

Lecce 2013

Lecce 2013

Non che gli altri anni ci fosse da lamentarsi, anzi, ma a scorrere il programma dell'edizione 2013 sembra che il Festival del Cinema Europea stavolta abbia fatto il colpaccio: siamo infatti di fronte all'annata potenzialmente migliore di sempre! Iniziamo dalle retrospettive: il finlandese Aki Kaurismaki è il protagonista del cinema europeo. Il che vuol dire presentazione integrale dei suoi lungometraggi, da Delitto e castigo del 1983 fino all'ultimo Miracolo a Le Havre, passando anche per i cortometraggi realizzati lungo trent'anni di carriera. A questi si affiancheranno incontri con il pubblico, mostra e libro fotografico.

L'omaggio al cinema italiano si configura nel doppio appuntamento con la mini retrospettiva su Francesca Neri e quella postuma su Fernando Di Leo, in occasione del decennale della scomparsa. Vista l'aura di culto che circonda il cinema del passato, si potrebbe pensare che la seconda offerta sia di molto superiore alla prima, ma attenzione a non farsi ingannare dalle apparenze: sicuramente vedere sul grande schermo classici come Milano Calibro 9 o La mala ordina ha il suo perché, ma il curriculum della Neri comprende titoli dell'appena scomparso Bigas Luna (Le età di Lulù), Carlos Saura (Spara che ti passa), Massimo Troisi (Pensavo fosse amore e invece era un calesse), Pedro Almodovar (Carne tremula) e molti altri registi importanti (Pupi Avati, Andrew Davis, Alessandro Benvenuti...). Una sezione che, insomma, promette di regalare belle emozioni.

Poi c'è il concorso lungometraggi che, come si è spesso rimarcato in questa sede, a Lecce è curato con molta attenzione, facendo attenzione ad evitare il classico prodotto paludato “da festival” e su cui punto sempre l'attenzione con vigore (negli anni passati si sono viste opere di Christophe Honoré e Constantine Giannaris, giusto per fare due nomi). Infine i ricordi di Emidio Greco (storico amico del festival, scomparso di recente), Pietro Mennea, la settimana del cinema israeliano e la versione restaurata di Chiedo asilo, di Marco Ferreri.

Davvero un menu ricchissimo, quindi, di quelli che creano problemi “a priori” per l'impossibilità di seguire tutto, e che denota la capacità dello staff: un gruppo che ha saputo lavorare bene negli anni passati, consolidando un appuntamento piccolo ma capace di guardare alla pari tante manifestazioni anche più blasonate. Come sempre, non resta che accomodarsi sulle poltrone del cinema Multisala Massimo per ore e ore di visioni: la partenza è fissata per domani sera, 8 aprile, fino a sabato 13.

Quest'anno non è prevista la formula del “diario” giornaliero sul blog, ci sarà poi un pezzo ricapitolativo alla fine della manifestazione e, eventualmente, le recensioni delle migliori novità. Ci si vede in sala!


Collegati:

3 commenti:

myers82 ha detto...

Ehy Dav, visto che tu di solito sei presente nei vari festival di cinema, riuscirai ad andare a Roma il 23 Aprile al cinema Aquila? Ci saranno Rob Zombie e Sheri Moon che presenteranno Le streghe di Salem, Roberto (Krug Stillo) forse riuscirà anche ad intervistarli, io per casini vari non riuscirò a presenziare e inutile che ti dica quando sia disperato per questo ... :-(

Davide Di Giorgio ha detto...

Ciao Fabio, no, non sarò presente all'evento. Aspettiamo notizie da Roberto allora :-)

myers82 ha detto...

Speriamo di si, proprio oggi mi ha detto, tramite sms che forse non riuscirà ad intervistarli perchè pare che saranno presenti in conferenza stampa li a roma ma non al cinema aquila come era stato inizialmente annunciato.
Appena roberto mi fa sapere qualcosa ti avviso ;-)